Quando la comunicazione diventa asincrona…


Credo che sia molto utile riflettere sul collegamento che c’è tra il “2.0” (web o enterprise che sia) e il passaggio della modalità di comunicazione tra le persone da sincrona ad asincrona, cosa che mi è venuta in mente leggendo questo post:

Dancing out of time: Thoughts on asynchronous communication – O’Reilly Radar

“I find it useful to try to think clearly about communication systems. This includes the ways in which they are synchronous or asynchronous (or a mixture), and the disruption that occurs when new technology allows us to replace synchronous systems with asynchronous ones, or to deliver new forms of asynchronous communication…

…Asynchronous communication almost always scales better than synchronous. Synchronization is usually centralized, complicated, and expensive because participants are often forced to waste time waiting.

The main requirements for asynchronous communication are things that modern technology is providing in abundance….”

Questo spiegherebbe la rilevanza che stanno avendo per esempio l’uso del video e social network sia sul web che all’interno delle aziende, anche a prescindere dagli aspetti pubblicitari che, almeno sul web, ne finanziano la disponibilità.

Entrambi sono infatti alla fine semplicemente un modo di comunicare (asincrono) estremamente economico sia dal punto di vista del supporto o “storage” che, e soprattutto, dal punto di vista del costo di produzione del contenuto da parte dell’utente qualsiasi; produrre e pubblicare un testo, una foto o un video è infatti oggi alla portata di chiunque sappia usare un telefono cellulare. Oggi infatti è possibile condividere economicamente in maniera asincrona dei contenuti che fino a pochi anni fa dovevano essere obbligatoriamente condivisi in maniera sincrona, come ad esempio le foto di una vacanza o una presentazione di lavoro…

Per avere un’idea degli impatti del “2.0” sulle nostre vite, forse basta riflettere su quanto dei nostri modi di vivere e lavorare sia stato finora collegato (o meglio vincolato) alla necessità di comunicare in modo sincrono vuoi nella sfera del privato (web 2.0), vuoi sul lavoro (Enterprise 2.0).

Autore: Alvaro Busetti

Consulente e formatore free lance, faculty member di Federmanager Academy. La mia vita professionale si è svolta nell’ambito dell’Information Technology con particolare riguardo agli aspetti progettuali e innovativi dal punto di vista organizzativo, applicativo e tecnologico. Ha svolto attività di conduzione progetti, coordinamento di unità produttive, attività di staff e supporto a livello Aziendale, di Gruppo e attività consulenziale per il top management del Cliente nel mercato dei Trasporti, Pubblica Amministrazione, Sanità, Industria, Servizi. Si è occupato di Intelligenza Artificale, digital workplace e Office Automation, soluzioni Intranet, Sistemi multimediali, di Unified Communication e di Social Collaboration.

1 commento su “Quando la comunicazione diventa asincrona…”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...