Social Networks vs. e-mail


L’altro ieri (15 nov.) al Web 2.0 Summit Zuckemberg ha annunciato due cose: l’integrazione delle applicazioni di Office in Facebook e la disponibilità, sempre in Facebook, di funzionalità di comunicazione comprendenti anche l’e-mail.Il più importante Social Network sembra così voler cambiare pelle.La domanda è quali saranno le conseguenze verso quella parte dei suoi 500 milioni utenti che usano l’IT anche per lavorare. Questione che viene ripresa da un breve post di PCWorld ( "Social Networks to Supplant Email in Business?”):
Vedi anche, in questo Blog:

While some companies are early adopters, most are slow on the uptake when it comes to technology (how many workers had to bring their personal computers into work before management got the message). So it follows that social networking will–finally–be crawling into businesses over the next four years.

Independent research company Gartner says 20 percent of workers will use social networks as their primary vehicle for business communications by 2014. …."The rigid distinction between email and social networks will erode," said Monica Basso, research vice president at Gartner, "Email will take on many social attributes, such as contract brokering, while social networks will develop richer email capabilities."

Gartner predicts that social networks will begin to invade corporate email platforms. Microsoft, IBM, and others will add links to both internal and external socnets inside their email clients and on email servers. Contacts, calendars and tasks will be shared across both email and social networking platforms. Gartner predicts that by 2012 all contact lists, calendar items, and messaging clients on all smartphones will be "socially enabled applications."

Il fenomeno quindi sembra essere profondo e legato alle dinamiche del mercato (i.e. dell’uso che della tecnologia fanno gli utenti), piuttosto che alle strategie (e alla spinta commerciale) dei singoli player. Per questo credo che l’uso e l’integrazione dei social media verrà adottato e si diffonderà anche nelle attività professionali molto più in fretta del previsto e con i tipici meccanismi della “consumerization”, un po’ come è successo con gli SMS.

Forse varrebbe la pena di fare anche una riflessione sul rapporto esistente tra le forme organizzative, formali e non, e gli strumenti di comunicazione. Non mi stupirebbe scoprire che le nostre forme organizzative attuali sono nate per convivere con (e integrare) strumenti di comunicazione antecedenti come minimo all’e-mail.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s