My links of the week (weekly)


  • “Nessun meeting noioso con perdite di tempo per tutti, niente discussioni inconcludenti che non arrivano a prendere decisioni, nessuna idea lasciata cadere nel nulla. Le riunioni in casa Google seguono strategie ben precise, che mettono in primo piano i brainstorming di gruppo e la negoziazione. L’obiettivo? Tagliare la parte noiosa e tirare fuori il meglio dalle diverse prospettive, cogliere i lati positivi di tutti i punti di vista. Questo metodo si chiama “note-and-vote”, annota e vota. Si svolge in 7 passi.

  • “Like many technological advances, the Internet of Things (IoT) has been long in coming.  Ubiquitous or Pervasive Computing dates back to the 1990s, when neither the necessary low-cost devices nor ubiquitous wireless networking were anywhere near ready.  But IoT has now reached an inflection point, with over 10 billion interconnected smart devices already out there, a number that’s expected to rapidly expand to 10s of billions by 2025 and to 100s of billions in the decades ahead.”

    tags: Internet_of_Things

  • “Customers at McDonald’s newly reopened Sleaford restaurant are among the first in the country to experience the fast food chain’s dramatic digital transformation.

    The Holdingham Roundabout outlet has undergone major investment from local franchisee Martin Cuthbert which sees digital self-service ordering points and a twin-lane drive-thru facility aimed at improving the customer experience – the biggest investment the company has ever made in Sleaford and a first for the area.”

    tags: Digital_transformation case_study

  • “Il Comune ha deciso di adottare una piattaforma Cloud che consente al personale di collaborare e condividere informazioni ovunque e in qualunque momento. «Grazie alla nuova piattaforma e agli strumenti di comunicazione integrata e collaborazione è possibile recuperare efficienza e ridurre la spesa IT per dedicare più risorse ai servizi sul territorio», ha commentato il Sindaco Matteo Ricci”

    tags: Smart_Work case_study

  • “Si chiama Chicco App Toys Blocks l’applicazione  creata con Forge Reply per trasformare il gioco tradizionale in esperienza digitale.
    Pensata per bambini di età compresa tra i 18 mesi e 6 anni, rappresenta la prima di una serie di applicazioni di realtà aumentata che il brand del Gruppo Artsana sta mettendo a punto con la società del gruppo Reply specializzata nello sviluppo di giochi per dispositivi mobile, smartphone, tablet.”

    tags: Digital_transformation case_study

Posted from Diigo. The rest of my favorite links are here.

Autore: Alvaro Busetti

Consulente e formatore free lance, faculty member di Federmanager Academy. La mia vita professionale si è svolta nell’ambito dell’Information Technology con particolare riguardo agli aspetti progettuali e innovativi dal punto di vista organizzativo, applicativo e tecnologico. Ha svolto attività di conduzione progetti, coordinamento di unità produttive, attività di staff e supporto a livello Aziendale, di Gruppo e attività consulenziale per il top management del Cliente nel mercato dei Trasporti, Pubblica Amministrazione, Sanità, Industria, Servizi. Si è occupato di Intelligenza Artificale, digital workplace e Office Automation, soluzioni Intranet, Sistemi multimediali, di Unified Communication e di Social Collaboration.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...