My links of the week (weekly)


  • “Digital technologies such as analytics, mobility, social networks, cloud computing and the Internet of Things are making old ways of working redundant and forcing companies to transform. According to Raman Sapra, global head of Dell’s digital business services, the best way to leverage digital is to take a comprehensive rather than a piecemeal approach. And a key tool to achieve this is customer journey mapping, where powerful new data collection and analytics tools are helping to provide deeper insights to fuel performance. In this paper, experts from Wharton and Dell examine how this mapping is at the heart of digital transformation.”

    tags: Digital_transformation

Posted from Diigo. The rest of my favorite links are here.

Advertisements

My links of the week (weekly)


  • “Dai nuovi dati 2015 pubblicati da Eurostat non si rilevano progressi significativi. L’effetto della spinta sul Digital Single Market non si vede ancora, le PMI sono ancora fortemente in ritardo e ci sono aree in cui il digitale non è ancora una leva di crescita. L’Italia fa timidi progressi, ma le politiche e i programmi in atto non sembrano ancora sufficienti per guardare ad un recupero tangibile già nel 2016”

  • “Sebastiano Carpentieri è forse il più longevo innovatore italiano in tema di smart working. Già, perché questo imprenditore, che oggi ha 82 anni, alla fine del 1974 ha avuto l’intuizione di aprire il primo business center d’Italia. Un business center è un luogo in cui ufficio, scrivania, segretaria, sala riunioni, e molti altri servizi, non appartengono al singolo lavoratore ma vengono semplicemente dati in uso a professionisti e team aziendali con diverse formule.”

    tags: Smart_Work

Posted from Diigo. The rest of my favorite links are here.

My links of the week (weekly)


  • “Se si resta tra i quattro muri della fabbrica tradizionale l’esempio del nuovo che avanza, secondo il ministro Poletti, è ben rappresentato dalla Ducati. Nel cuore della motorvalley emiliana, a inizio anno, sindacati aziendali e impresa hanno raggiunto un accordo integrativo «veramente interessante, pieno di elementi di innovazione», sostiene il ministro. «L’azienda, invece di avere una linea di montaggio storica, ha le isole e ogni lavoratore ha un kit con dentro tutti i pezzi che servono per fare una parte del suo lavoro: in pratica l’operaio lavora in uno spazio e con dei tempi che non sono dettati fa una macchina, ma si organizza e si gestisce da solo». Dunque «lavoro storico, meccanico, ma costruito in modo diverso. Che guarda avanti». L’accordo Ducati, in fatto di orari, oltre al passaggio a 21 turni settimanali sul modello Fca, consente agli operai di scegliere se lavorare dal lunedì al venerdì, o anche il sabato e la domenica (guadagnando di più). “

    tags: Smart_Work

  • “Orari più flessibili, miglioramento del piano sanitario e 258 euro per il “welfare aggiuntivo” tra le altre novità. Ora la palla passa ai lavoratori: referendum nei prossimi giorni”

    tags: Smart_Work

Posted from Diigo. The rest of my favorite links are here.

My links of the week (weekly)


  • “Elettrica, iperconnessa, senza guidatore, hi-tech. Come sarà, veramente, l’auto del futuro? E come si sta trasformando il settore automotive, simbolo del mondo industriale, minacciato dalla digital disruption nell’era della sharing economy? I fronti aperti sono molteplici. Di certo, l’elettronica si sta insediando nel settore e lo sta “svuotando” dall’interno, come fa con la palma il micidiale insetto noto come punteruolo rosso. L’analisi di Umberto Bertelè”

    tags: Digital_transformation

Posted from Diigo. The rest of my favorite links are here.

My links of the week (weekly)


  • “Sono sempre più numerosi gli indicatori che attestano la crescita e la diffusione dello smart working (o lavoro agile) nell’area europea. Secondo una recente ricerca internazionale condotta da Regus, fornitore mondiale di spazi di lavoro flessibili, su un vasto panel di imprese clienti (44.000 interviste in 105 paesi) in Italia il 51% dei manager, dei professionisti e dei cosiddetti knowledge workers lavora lontano dall’ufficio per almeno metà della settimana (oltre 2,5 giorni). A livello globale questa percentuale di attesta al 52% e sono sempre di più le grandi imprese che adottano metodologie organizzative di lavoro agile.”

    tags: Smart_Work

Posted from Diigo. The rest of my favorite links are here.

My links of the week (weekly)


  • “Raramente si parla di aumento della produttività, ottimizzazione dei budget, rinnovamento culturale del management e dell’organizzazione in senso lato, sostegno all’evoluzione dei modelli di business per andare incontro alle nuove esigenze dell’economia digitale. In questo senso, un primo esplicito accenno lo si trova nell’articolo 1 del ddl che il governo ha allegato alla legge di Stabilità, ma sono le aziende che hanno già adottato questo approccio operativo le voci che meglio possono definire i benefici reali prodotti dall’adozione di pratiche di smart working. “

    tags: Smart_Work

Posted from Diigo. The rest of my favorite links are here.

My links of the week (weekly)


  • “Il 25 settembre 2015, presso la sede del Comune di Bergamo, si è tenuta la giornata dello Smart Working promossa dall’Alleanza “Smart working, smart companies – lavorare meglio, con più equilibrio e più efficacia”. Quest’ultima è una delle 7 alleanze della Rete Territoriale per la Conciliazione (sapete di che si tratta?) di Bergamo, il cui scopo è lo sviluppo di azioni di lavoro smart all’interno delle 6 aziende aderenti al network: ABB, UBI Banca, Banco Popolare, Volvo Italia, Italcementi Group e Comune di Bergamo.”

    tags: Smart_Work

  • “Ddl sul lavoro ‘intelligente’. Vale +27 miliardi di prestazioni. E -10 miliardi di costi. Assenteismo abbattibile del 63%. Con pause e paga invariata. La norma in punti.”

    tags: Smart_Work

  • “Un trattore a trazione elettrica, integrato all’interno di una fattoria ecocompatibile, in grado di sfruttare al massimo una serie di sensori per l’applicazione estesa di tecnologie IoT (Internet of Things) e munito di un nuovo cruscotto digitale capace di interfacciarsi con gli utenti, semplificando le funzionalità d’uso dei veicoli stessi.”

    tags: Digital_transformation case_study

Posted from Diigo. The rest of my favorite links are here.