Nuovi scenari per la televisione ? (finalmente)


ovvero: Come vedersi i video di McKInsey Quarterly sul televisore di casa (sempre che interessi…)

A maggio 2010 Google ha annunciato la “Google TV”, assieme ad Intel, Sony e Logitech (i primi televisori basati su Android dovrebbero essere disponibili a Novembre negli USA). E’ di oggi la notizia dei contatti per fornire servizi “pay per view” tramite Youtube:

“…Forse proprio nell’ottica dell’imminente arrivo della Google TV (i primi televisori a marchio Sony dovrebbero “sbarcare” sul mercato statunitense entro il prossimo mese di novembre), la società guidata da Eric Schmidt sta intessendo delle trattative con i leader del mercato cinematografico “hollywoodiano“. L’intento, secondo quanto riferiscono fonti d’Oltreoceano, è quello di arricchire YouTube con un servizio “pay-per-view” del quale gli utenti interessati…” 01net.

Sempre ieri Apple ha annunciato la disponibilità su iTunes di servizi di “TV rental:

“Apple Inc., building on its dominance in the music industry,…introduced a service that lets users rent shows and movies.

The company revamped its Apple TV set-top box to offer high-definition TV-program rentals for 99 cents, Chief Executive Officer Steve Jobs said today at an event in San Francisco. The $99 device also will deliver first-run movie rentals for $4.99 and work with Netflix Inc.’s online service…” Bloomberg – BusinessWeek

Stamattina ho trovato una mail da “McKinsey Quarterly” che annuncia, oltre alla presenza della famosa rivista di management sui twitter e facebook, la disponibilità dei loro video come videopodcast su iTunes (assieme ai video podcast di Financial Times, INSEAD, Economist, Bain & Co,…).

Basta fare uno più uno: se si muove così sul web 2.0 anche McKinsey vorrà pur dire qualcosa… è ipotizzabile un utilizzo “verticale” del televisore di casa? I canali tematici saranno sostituiti da canali Youtube e da VideoPodcast “à la iTunes” ?

Links:

4 responses to “Nuovi scenari per la televisione ? (finalmente)

  1. Alvaro, penso di sì, ed il processo sarà più rapido di quanto non si possa immaginare.

    I mercati dell’entertainment e dell’infotainment sono guidati dai brand che mettono a disposizione le tecnologie per veicolarli; banalmente l’etere, la rete e lo strumento di visione come la TV o il proiettore.

    Ad un certo punto troveremo sul mercato solo prodotti ad utilizzo “verticale” e dovrò rinunciare al mio stupendo tubo catodico, inorridisco al solo pensiero di dover vedere la TV con gli occhialetti per il 3D.

    Massimo.

  2. Google TV nel 2011 in Europa da notare che “I supertelevisori Google supporteranno sia HTML5 che la tecnologia Adobe Flash. “I prodotti costruiti utilizzando i nostri componenti supporteranno entrambi”, ha affermato Kim rimarcando come la scelta di Intel sia ben diversa rispetto a quella recentemente operata da parte dei vertici di Apple.”

  3. Pingback: La nuova TV avanza… « pensieri a margine

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s